Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)Deutsch (DE-CH-AT)
email skype
UCIMU

COMEV



 
I NOSTRI TORNI

 

100% MADE IN ITALY
QUALITA'
SICUREZZA
AFFIDABILITA'


CONVENZIONALI


CNC  E
AUTOAPPRENDIMENTO


PER ORAFI

URANO

 

depliant              dati tecnici          

   galleria immagini

 
 

  La COMEV è lieta di presentarVi la nuova linea di torni URANO che va a completare la gamma di macchine attualmente in produzione. 

E’ una macchina a controllo numerico progettata e realizzata per lavorazioni pesanti.

E’ dotata del nostro software semplificato “LATHE ++” già apprezzato su tutte le altre tipologie di macchine in produzione.

L’allestimento standard prevede una carenatura completa di illuminazione e delle ante scorrevoli a protezione dell’operatore.

Anche questa macchina mantiene l’impostazione per poter lavorare in manuale, in autoapprendimento, in programmazione ISO.

Una vasta gamma di accessori permette la realizzazione di personalizzazioni secondo le esigenze del cliente utilizzatore.

 

TESTA 

Scatola in ghisa G.25 di struttura molto robusta con nervature in grado di eliminare vibrazioni, contiene l'albero mandrino ed il cambio ingranaggi.

Il cambio, dotato di 3 marce consente l’ottimale sfruttamento della notevole coppia disponibile su un ampio range di velocità senza “vuoti” di potenza.

Il cambio, può essere selezionato in modalità marcia fissa oppure in selezione continua, la selezione della gamma meccanica avviene tramite cilindro idraulico.

Il mandrino in acciaio speciale al NiCrMo è cementato, temprato ed accuratamente rettificato.

E' montato su cuscinetti conici in classe di precisione con lubrificazione ad olio.

Il mandrino è dotato di attacco ASA 15" per passaggio barra mm. 230, questo assicura intercambiabilità, rigidità, precisione, sicurezza nel montaggio e smontaggio degli autocentranti. 

Gli ingranaggi e gli alberi sono in acciaio legato, cementati, temperati, e rettificati.

 

BASAMENTO - BANCALE 

Progettato e verificato con il calcolo agli elementi finiti in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria industriale dell’università di Perugia, è una fusione monolitica  in ghisa G30 molto robusta, subisce un trattamento didistensione, prima di essere avviato alla lavorazione, che elimina le tensioni interne dovute alla fusione stessa. 

Le guide sono temperate ad induzione con durezza di ca. 450 HB e rettificate.

La guida centrale è doppiain modo da permettere il passaggio del carro senza che interferisca con eventuali lunette e contropunta.

La struttura è dotata di una guida inferiore anteriore. Questa soluzione garantisce una elevata rigidità dell’asse X durante le lavorazioni di grandi diametri.

Infatti il carico, dovuto al peso proprio del carrello trasversale, al peso della torretta ed allo sforzo della lavorazione và a scaricarsi proprio su tale guida dando così grande stabilità alla slitta trasversale e precisione alla lavorazione.

 

CARRO

Corsa carro trasversale: 750 mm 

Il carro è una fusione in ghisa grigia ben dimensionato e robusto con le guide di scorrimento rivestite di materiale antifrizione e raschiettate opportunamente a mano in modo da garantire un perfetto contatto.

Raschiaolio prismatici fissati al carro permettono la pulizia delle guide. Appositi lardoni, anch’essi ricoperti di materiale antifrizione permettono il recupero dei giochi d’usura nel tempo.

Le viti di comando sia asse "Z" che asse "X" sono a ricircolo di sfere con chiocciole precaricate a gioco "0" rettificate in classe di precisione ISO 5.

  

LUBRIFICAZIONE 

La lubrificazione è centralizzata e forzata. Il circuito lubrifica le guide della slitta trasversale, quelle prismatiche del bancale e le viti di comando mediante  elettropompa temporizzata e apposite valvole dosatrici in modo da garantire la giusta quantità di olio.

 

CONTROPUNTA

Struttura in ghisa grigia con traslazione motorizzata data da pignone, cremagliera e motoriduttore, bloccaggio e sbloccaggio del corpo contropunta tramite pistoni idraulici.

La contropunta ha un canotto di 300 mm. con albero rotante e punta fissa solidale su cuscinetti di precisione.

Il movimento del canotto è dato da cilindro idraulico con sensori di posizione.

Il canotto controtesta viene comandato con un cilindro idraulico a doppio effetto tramite pedaliera; una volta raggiunta la posizione di bloccaggio del pezzo impegna un sensore di posizione che segnala la corretta posizione per  il sostentamento del pezzo. La presenza del sensore garantisce che anche uno spostamento di alcuni millimetri sia compensato dalla controtesta che avanza o arretra fintanto che impegna il sensore. La perdita di consenso di tale sensore mette in arresto di emergenza la macchina. La centrale di comando idraulico  è  dotata quindi di pressostato elettronico di sicurezza regolabile che al variare della lunghezza del pezzo mantiene la pressione di bloccaggio costante in modo da compensare anche le dilatazioni dovute alla lavorazione, il tutto senza che l’operatore debba intervenire su regolazioni o aggiustamenti salvo quello della pressione di esercizio desiderata. 

 

MOTORIZZAZIONE 

Il motore mandrino è a velocità variabile in C.A. brushless con ventilazione forzata e completo di sistema di alimentazione, controllo, frenatura e relative sicurezze elettriche di impianto.

 

APPARECCHIATURA ELETTRICA

L’apparecchiatura elettrica è contenuta in apposito armadio inserito nella struttura della carenatura. Contiene tutti i sistemi di alimentazione e controllo assi, dispositivi elettromeccanici ed elettronici di sicurezza, controllo, gestione unità ausiliarie.

 

CARENATURA 

In lamiera di acciaio racchiude parte della struttura meccanica della macchina. La zona di lavoro è completamente illuminata.

 

Realizzazione siti web by InformaticaConti